Rss Feed

domenica 7 dicembre 2014

Pandoro facile (con lievito di birra)

Pubblicato da Claudia Pane a 17:40
 

Mi scuso per le foto, ma questa era una prova pre-Natale e non mi aspettavo che il risultato sarebbe stato così soddisfacente! Lo rifarò tra un paio di settimane e aggiornerò il post, ma nel frattempo volevo pubblicare la ricetta, nel caso in cui qualcuna voglia cimentarsi con dei test di prova prima del cenone :D



L'idea del fare il pandoro in casa nasce dal fatto che l'anno scorso ho fatto la colomba e il panettone, e il pandoro mancava all'appello. Inoltre al mio ragazzo il panettone non piace, perciò ho pensato di imparare a fare il pandoro e portarglielo a Natale. Ho trovato lo stampo tra varie peripezie, sono passata per una ricetta completamente sbagliata che mi ha fatto venire il pandoro molto asciutto, ma poi finalmente ho trovato una ricetta perfetta. Si tratta di quella presente sul blog dolciagogo , che seguo sempre. Della ricetta non ho cambiato nulla, a parte aggiungere un paio di cucchiai di farina... e poi la prossima volta aumenterò leggermente lo zucchero. Ma per il resto è perfetto: rimane morbido per 3 giorni, conservato in una busta privata dell'aria.
La ricetta mi piace anche perchè è estremamente facile. Se si pensa al pandoro fatto in casa, si pensa a lunghi tempi di lievitazione e trecento fasi diverse, più la sfogliatura. Questo pandoro invece si fa molto facilmente, è alla portata di tutti, e non è neanche necessaria l'impastatrice, visto che l'impasto è talmente morbido-liquido che nella seconda fase ho addirittura usato la frusta a mano, cosa che mi ha resa molto felice perchè le mie braccine non reggono un quarto d'ora di impastamento :°D

Per 1 kg (tempo di preparazione totale: 8 ore circa)
300 g di farina 00 (più 2 cucchiai, eventualmente)
15 g di lievito di birra
1/2 bicchiere di acqua tiepida
120 g di zucchero (la prossima volta farò 140-150 gr)
120 g di burro morbido
5 tuorli a temperatura ambiente
50 ml di panna fresca
zest di un limone
2 cucchiaini estratto di vaniglia

1° fase: preparare una biga scigliendo il lievito nell'acqua intiepidita. Farlo riposare 5 minuti, per attivarlo, poi versare il tutto in una piccola bowl con dentro 40 gr di farina, 10 gr di zucchero e 1 tuorlo. Mischiare tutto con attenzione, perchè si formeranno dei grumetti che dovrete cercare di eliminare (magari, per evitare che si formino, potete versare l'acqua piano piano nella farina, facendola assorbire poco per volta. Io invece l'ho buttata tutta insieme :D). L'impasto è molto molto liquido. Coprite con la pellicola e fate lievitare per 1 ora. Si gonfierà tantissimo!

2° fase: in un'ampia bowl, mischiate 80 gr di farina con 50 gr di zucchero, 2 tuorli e 20 gr di burro. Aggiungete la biga lievitata e mischiate bene. Essendo un impasto molto molto liquido (forse ho aggiunto troppa acqua? Non sapevo a quanto corrispondesse "mezzo bicchiere", perchè dipende dalla grandezza del bicchiere!) ho aggiunto un paio di cucchiai di farina e ho mischiato con la frusta a mano e molto velocemente, per incorporare quanta più aria possibile. Coprite e fate lievitare per 2 ore.

3° fase: aggiungete il resto della farina, il resto dello zucchero, i restanti 2 tuorli e impastate. Aggiungete, in ultimo, la panna, lo zest e la vaniglia. Impastate a lungo, e poi versate il tutto nello stampo ben imburrato e infarinato. Occhio alle bolle d'aria: quando lo versate, controllate che la palla di impasto sia sistemata in maniera uniforme.
Fate lievitare finchè non arriva a un dito dal bordo e poi infornate in forno già caldo a 170° per 25 minuti e a 160° per altri 20.
Sfornate e rovesciate subito su una grata per farlo raffreddare anche sotto.

7 commenti on "Pandoro facile (con lievito di birra)"

paola on 7 dicembre 2014 18:55 ha detto...

brava,veloce,semplice e bello da vedere sicuramente anche buono,felice sera

carmencook on 7 dicembre 2014 20:55 ha detto...

Grazie mille per la ricetta Claudia, spero solo di riuscire a ritagliarmi un pò di tempo per provarlo!!
Un caro abbraccio e buona festa dell'Immacolata
Carmen

Claudia Pane on 7 dicembre 2014 22:04 ha detto...

Grazie a entrambe! Carmen, richiede davvero poca attenzione, una volta che l'hai messo nello stampo puoi tranquillamente dimenticartene :D L'importane è cominciare la mattina :D

SABRINA RABBIA on 7 dicembre 2014 22:13 ha detto...

NON AMO I PANDORI, NE' I PANETTONI, MA IL TUO SEMBRA DELIZIOSO!!!BRAVISSIMA!!!!BACI SABRY

Betta on 8 dicembre 2014 08:51 ha detto...

Che meraviglia.................
Quasi quasi ci provo!!!!
Una cosa......... la panna fresca devo versarla direttamente quando la prendo dal frigo oppure devo tenerla a temperatura ambiente?
Grazie e...............
Kissssssssssssssssssssssssssss

Claudia Pane on 8 dicembre 2014 19:32 ha detto...

Grazie Sabry, gentilissima come sempre!!

Betta, non direttamente dal frigo, perchè la temperatura fredda non fa mai bene al lievitato! Io l'ho cacciata un'ora prima, perchè la panna è delicata e non volevo tenerla troppo tempo fuori dal frigo :D

Vittoria Negri on 18 dicembre 2014 08:39 ha detto...

Quanto tempo ci vuole prima che arrivi al bordo?

Posta un commento